Un contratto con un fornitore di energia luce o gas non è un vincolo indissolubile, quindi caro consumatore, il mare è pieno di pesci ed è molto semplice trovare la tariffa più conveniente rivolgendosi al miglior fornitore di energia elettrica.Tagliare i costi non è mai stato così facile, ma come si procede verso un prezzo più conveniente?In questo articolo cercheremo di spiegarvi come poter cambiare contratto e virare da un fornitore all’altro senza problemi.Come svincolarsi da un contratto Tutti i consumatori hanno diritto di poter recidere un contratto e attivare una nuova fornitura tramite switch, inoltre il vecchio rivenditore non può opporsi alla decisione del cliente.Una volta data comunicazione da parte dell’acquirente il possessore del vecchio contratto ha due mesi di tempo per attivare le procedure.Per facilitare maggiormente l’utente la domanda di recessione viene fata dal nuovo fornitore, così da velocizzare le pratiche.Contratti non richiesti I contratti non richiesti fanno parte delle situazioni spinose dalle quali sembra difficile svincolarsi, ma la soluzione è semplice ed immediata.I contratti di fornitura elettrica non possono essere stipulati al telefono o tramite un contatto “porta a porta", quindi se non effettuati in sede di ufficio non hanno nessun tipo di validità.Per svincolarsi da queste situazioni esercitando entro 10 giorni dalla creazione del contratto il proprio diritto di ripensamento, senza dover pagare penali.
Non è mai troppo tardi, infatti è possibile disattivare il contratto non desiderato in qualsiasi momento e tornare al vecchio operatore tramite la procedura di ripristino o accedere a una nuova offerta con il miglior fornitore di energia elettrica. < Torna al blog